Ipnosi come soluzione all’odontofobia

Ipnosi come soluzione all’odontofobia

Studi epidemiologici hanno dimostrato che il 75% della popolazione si sente spaventata quando si reca dal dentista: il 10-15% prova ansia e il restante 20% prova una sensazione di disagio.

I dati appena riportati descrivono il motivo per il quale centinaia di appuntamenti vengono saltati o procrastinati: i pazienti hanno paura del dentista.

Il Milton H. Erickson Institute ha riportato un articolo che riguarda una teoria ancora sperimentale in Italia ma del tutto efficace nel resto d’Europa, e che prevede l’utilizzo dell’ipnosi per i pazienti odontofobici.

Nell’articolo viene riportata la testimonianza di un dentista che da più di 20 anni pratica l’ipnosi nel suo studio, al fine di riuscire a gestire pazienti terrorizzati dal fatto di sedere sulla poltrona del dentista e definiti da altri dottori come “intrattabili”.

Esso afferma che tale pratica non ha ancora preso del tutto piede in Italia, non perché abbia poca efficacia, ma per la fama che riguarda questo metodo. Si pensa che l’ipnosi sia una sorta di magia e di superstizione, quando in realtà è un ramo della medicina, chiamata psicosomatica.

Dall’articolo si può dedurre che l’ipnosi sia utile all’odontoiatria per trattare soggetti particolarmente sensibili come i bambini, oppure pazienti con un forte riflesso faringeo, oppure persone precedentemente traumatizzate.

Sono diversi gli esperimenti fatti negli ultimi anni, e la maggioranza di essi ha rivelato che i pazienti a cui è stata applicata l’ipnosi hanno ricevuto più benefici dal punto di vista psicologico, soprattutto per la cura delle fobie.

In altre parole l’ipnosi, oltre a facilitare il lavoro del dentista, migliorerebbe il vissuto psicologico dei pazienti favorendone la salute orale.

Visita ericksoninstute.it per approfondire l’argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *